Vissuto

Questa parola non fa parte del nostro vocabolario più comune. Vissuto è paragonabile per alcuni alla parola esperienza, per altri potrebbe essere più simile alla parola momento. Ma un vissuto è lontano dal nostro comune parlare, semplicemente perché non siamo più in grado di vivere nel presente.

Questa è la triste situazione e come al solito la realtà va accettata per quello che è. Non siamo più connessi ai nostri vissuti perchè ascoltiamo sempre e solo i nostri pensieri, il nostro continuo ed inesauribile dialogo interiore. Inoltre, quando potremmo ascoltare il mondo, gli altri, il nostro corpo, siamo distratti da tutti gli amplificatori del nostro egocentrismo.

Ti sei mai chiesto che cosa è realmente un vissuto?

Trovo grande forza in questa parola, una forza ormai persa dai più comuni vocaboli, sostituiti dalle immagini, dai video, dai bit.

Un vissuto è una porzione della nostra vita in cui eravamo presenti a noi stessi, di cui non abbiamo un semplice ricordo mentale, ma c’è una connessione fisica intensa con quel momento.

Dovremmo possedere molti vissuti, ma purtroppo credo che ne possediamo davvero pochi.

Quale è un ricordo che hai e che crea in te anche delle memorie fisiche?

Sì perchè nel mio vocabolario, tanto personale quanto universale, questa parola è preziosa. Appena scelgo di rivivere un vissuto, chiudo gli occhi ed è come tornassi indietro. Dolore, gioie, sguardi, movimenti del corpo, sensazioni, si va oltre il semplice ricordo.

Una connessione più intima con il mio passato. E’ come se una pezzo, un frammento, di miliardi di secondi passati e non vissuti, si presentasse di fronte alla mia mente, che senza giudizio lo ripercorre.

Solo per il gusto di affermare esserci stato e di aver ascoltato tanto il mio corpo, quanto quello che mi circondava.

Quando ti tuffi in un vissuto?

Continua a farti domande…

grazie ad una immagine…grazie ad una parola…grazie ad un tweet

Piano

Avere un piano oggi sembra necessario. Per qualsiasi cosa.

Nel business, nella vita, con i figli o nello sport. Programmare è divenuta una necessità, eppure nella sua logica e nella sua razionalità, non ha niente a che vedere con quello che accade realmente nella nostra vita.

Quindi, affidarsi ad un piano in modo cieco e con eccessiva sicurezza, può portare ad autentici disastri.

Aspettative che crollano, obiettivi che svaniscono, risultati che non raccontano una storia.

Hai un piano per tutto?

I piani nascono dalla necessità del controllo e dalla fiducia illimitata della nostra limitata razionalità.

Ed ogni forma di controllo in maniera diretta o indiretta, è una manifestazione di paura nei confronti del caos, dell’imprevedibilità.

Lasciare scorrere la nostra vite nell’imprevedibilità, in un flusso non definito di eventi, appare folle nel nostro mondo.

Ma non è forse più assurdo provare a controllare e quasi forzare il futuro?

Avere un piano è importante, ma credo che avere dei valori, o degli obiettivi di orientamento lo sia ancora di più.

Ti sei mai fatto guidare semplicemente dai tuoi valori?

Un piano razionale, dettagliato per filo e per segno, finirà spesso per cadere di fronte alla mutabilità di condizioni ed eventi.

Un piano può funzionare solo quando non è solo dettato dalla razionalità, dal bieco desiderio di raggiungere obiettivi.

Ci devono essere ampi spazi di movimento, a contegno di ciò che non può essere scritto, o previsto.

Senza dei valori od un orientamento definito a monte, ogni piano è destinato a fallire. I piani possono dare sicurezza, ma senza consapevolezza essi possono solo creare aspettative che verranno infrante.

In qualsiasi pianificazione non bisogna mai dimenticare la condizione umana, se lo facciamo lo rendiamo semplicemente irreale.

Quale è l’ultimo tuo piano che è fallito?

Continua a farti domande…

grazie ad una immagine…grazie ad una parola…grazie ad un tweet

Persistere

La persistenza, il persistere, continuare a provarci, continuare ad essere presenti, è uno di quei tratti della personalità che spesso non vengono apprezzati, a cui spesso non si da peso.

Raramente si celebrano le persone che fedeli ad una loro linea di pensiero, una convinzione, non conoscono scettici, non ascoltano le aspettative o gli stereotipi altrui.

Continuano, credono in loro stessi, vedono o provano qualcosa che gli altri non comprendono.

Riesci a portare fino in fondo un tuo progetto personale?

Siamo troppo abituati alla ricompensa subitanea, immediata, circondati d una confortevole realtà. C’è un intrinseco valore nella costanza dei nostri comportamenti, nella rafforzamento delle abitudini.

Essere persistenti, essere coerenti, non è sexy, non garantisce una soddisfazione istantanea. Una marcia lunga e non uno sprint, è faticosa e il traguardo è lontano.

Una questione di pazienza, ma soprattutto una questione di determinazione guidata da credenze e valori.

E la determinazione è diversa dalla caparbietà.

Quanto vale per te la gratificazione?

Non diventa importante l’arrivare ad essere o ad avere, diventa importante rispettare e conoscere noi stessi, consapevoli che è il percorso che ci rende degli esseri unici.

Non fare del traguardo il proprio obiettivo, è rimandare la gratificazione, è renderlo distante, un orizzonte.

La navigazione verso la linea che congiunge il mare al cielo, diventa formativa, una esperienza capace di accrescere realmente noi stessi.

Persistere ci permette di conoscere noi stessi, di imparare e rafforzare la nostra personalità.

Cosa credi sia utile per imparare?

Continua a farti domande…

grazie ad una immagine…grazie ad una parola…grazie ad un tweet

Assenza

Tempo di lettura 3/4 minuti

L’assenza è uno delle scelte umane per assurdo più presenti nel contemporaneo.

Siamo sempre più assenti dal quotidiano.

Lontani dai luoghi in cui viviamo, distaccati dalle persone che sono intorno a noi, incapaci di vivere il presente, di godere consapevolmente del nostro tempo.

Connessioni diverse meno umane, condivisioni assenti ripetutamente mediate.

Di cosa percepisci l’assenza nella tua vita?

La realtà è continuamente filtrata dalle tecnologie, la realtà si veste di colori, sfumature ed ombre, artificiali e spesso artificiose.

Di conseguenza siamo distratti tra notifiche, video e news che spesso non riguardano il nostro presente, il nostro qui ed ora. Perdiamo il contatto con ciò che circonda e quindi con noi stessi.

Diventiamo assenti, scegliendo mondi diversi da quelli locali, da quelli analogici.

Quando è l’ultima volta che hai scelto consapevolmente di essere assente?

Ma questa reiterata assenza è frutto di una scelta, ovvero quella di essere intrattenuti, quella di essere distratti, e quindi assenti.

L’assenza in alcuni casi può essere positiva, ma in altri può essere distruttiva.

Intacca quell’essere umani, ovvero quella storia di esseri legati al loro territorio. A quella semplice condivisione di un tempo e di uno spazio, fatto di autentica compresenza, di vero dialogo, di intensa comunanza e di presente vicinanza.

Dovremmo provare ogni tanto a ragionare su cosa possiamo fare per migliorare attivamente ciò che ci circonda, per diminuire la costante e dilagante alienazione dal reale.

Quando sei stato assente oggi?

Continua a farti domande…

grazie ad una immagine…grazie ad una parola…grazie ad un tweet