Aiutare

Ho sempre trovato che ci fosse qualcosa di sbagliato nell’usare il termine aiutare, con troppa leggerezza. Ci sono tanti sinonimi , con sfumature diverse, fondamentali per la nostra percezione di noi stessi e degli altri.

Cooperare, assistere, coadiuvare, favorire, supportare e chi più ne ha più ne metta. Infatti, aiutare per me nasconde un asimmetria morale e percettiva di grande rilevanza.

Ogni parola che utilizziamo in una comunicazione ha un potere su di noi e sugli altri.

Chiedi mai aiuto?

In quanto, quando noi aiutiamo persone che non riescono, siamo noi che risolviamo una situazione o un problema, senza realmente affrontarlo insieme.

Rafforziamo una asimmetria, marchiamo la differenza che ci contraddistingue. Di capacità, di ceto, fisica e via dicendo.

Finiamo per non portare cambiamento, ma solo conferme di incapacità. La cosa si ribalta quando siamo noi a chiedere aiuto, non essendo in grado di continuare a tentare o di stringere i denti fino al risultato desiderato.

Credi ci sia un valore nell’aiutare chi ti sta intorno?

La relazione di aiuto è complicata, invece di liberare spesso vincola, spesso crea catene. Va ad intaccare l’immagine che abbiamo di noi stessi e quella degli altri. Aiutare spesso non da autonomia, può creare dipendenza.

Credo che sia decisivo fare grande attenzione a quando e come utilizziamo la parola aiuto. E’molto più significativo di quanto pensiamo.

Amo sostenere le persone, ma non aiutarle, semplicemente perchè credo in loro.

Cosa provi dopo aver aiutato una persona?

Continua a farti domande…

grazie ad una immagine…grazie ad una parola…grazie ad un tweet

Ponti

Tempo di lettura 4 minuti

Ponti che uniscono stretti come il famoso Golden Gate, che sorvolano paludi come quelli della Highway 10 in Louisiana o che connettono isole o regioni remote come quelle norvegesi.

Tra tutte le strutture che l’uomo è in grado di creare forse sono tra le più affascinanti.

Ma cosa realmente permette di fare un ponte?

Prima di tutto avvicina. Semplifica la comunicazione, permette di raggiungere aree altrimenti lontane.

Crea percorsi.

Congiunge.

Che cosa rappresenta un ponte per te?

Noi creiamo ponti con gli altri in tanti modi diversi.

Con parole, emozioni, sentimenti, azioni, scritti, pensieri e idee. Sicuramente ciascuno di voi troverà molte altre modalità con cui si connettete con gli altri, ma anche con sé stesso.

Un esempio è il linguaggio, uno dei ponti più importanti, forse più antichi, che abbiamo creato. Spesso uno dei più instabili. Dato che le idee e i valori che passano su di esso, spesso non sono comprese, non sono accettate.

I ponti crollano quando non vengono mantenuti, quando i loro pilastri cedono. Di fronte alla forza degli elementi e l’inesorabile scorrere del tempo.

Così come i ponti, i legami che ci avvicinano agli altri si distruggono a causa di esperienze, idee e azioni, che ledono, minano, quella connessione costruita con l’altro.

Un’isola senza un ponte sarà sempre remota.

Un uomo senza legami sarà sempre misero.

Quanti ponti crei ogni giorno?

Per questo creare un legame con gli altri è importante per noi ed anche per gli altri. Per evitare la miseria che spesso la solitudine genera nell’uomo.

Creare dei ponti con gli altri è per alcuni una vera necessità, per altri un’autentica sfida.

Il fondamento di ogni singolo pilone costruito, la base di ogni solido legame, dovrebbe essere la comprensione.

Senza di essa ogni legame è instabile.

Un ponte affronta le profondità dei mari, la forza dei venti, la furia delle acque, le instabilità della terra. Allo stesso modo, un legame per essere stabile, significativo, deve superare le difficoltà della vita. Le incomprensioni generate dalla nostra unicità.

Così ricordarsi semplicemente di essere umani e di condividere un’esperienza irripetibile ed incomprensibile come la vita. Dovrebbe essere quel cemento sul quale generare magnifici, ma soprattutto indistruttibili, ponti.

Quale è il ponte più significativo che sei riuscito a creare?

Continua a farti domande…

grazie ad una immagine…grazie ad una parola…grazie ad un tweet